Cucina moderna e minimale? Cucina rustica nel cuore della campagna? Cucina compatta o a scomparsa? Qualunque sia la tipologia scelta per la vostra abitazione, i rivestimenti e le piastrelle della cucina diventano gli elementi determinanti e caratterizzanti di uno degli spazi più importanti della casa.

Nella scelta dei rivestimenti da cucina è fondamentale che le mattonelle siano resistenti a urti, umidità, calore, detersivi e macchie. Non devono poi richiedere grossi sforzi di mantenimento, devono essere facili da pulire e in armonia con lo stile del resto dell’abitazione. 

Il grès porcellanato ha la capacità di riproporre materiali pregiati come legno, pietra, marmo e cemento, contenendo i costi finali e garantendo alte prestazioni tecniche.

Vediamo nel dettaglio quali elementi possono concorrere allo stile della cucina nella scelta del rivestimento.

 

Continuità o contrasto con gli altri ambienti della casa.

La planimetria della casa e lo spazio che viene destinato alla cucina suggerisce come comportarsi nella scelta dei rivestimenti. Se si vuole ottenere un legame tra la zona giorno con cucina e gli ambienti della casa, soprattutto quando la cucina è in un living non diviso dal soggiorno, è corretto selezionare rivestimenti che donino continuità tra un ambiente della casa e l’altro.

Via libera quindi al il grès effetto parquet con piastrelle a listelli come nelle collezioni Woodsense, ai medi formati quadrati effetto pietra opachi delle collezioni Realstone e Studio o alle grandi lastre effetto marmo lucido della proposta di collezione Incanto.

Se invece si desidera accentuare e definire lo spazio della cucina a contrasto con la restante pavimentazione della casa, i tappeti decorativi ceramici a pattern geometrici o floreali sono la scelta ideale, da posizionare a pavimento in prossimità del piano di lavoro o come elemento para schizzi. Alcuni esempi? I tappeti decorativi Twig e Fizz della collezione Decora nel formato quadrato da abbinare ad una cucina bianca o beige finitura matt oppure i tappeti Avorio e bianco Caleido e Botanico della collezione Cocciopesto.

  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 1
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 2
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 3
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 4
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 5
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 6
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 7
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 8
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 9
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 10
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 11
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 12
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 13
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 14
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 15
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 16
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 17
  • Rivestimento della cucina: come sceglierlo? - 18

Forme, colori e finiture

Piccoli formati quadrati, rettangolari ed esagonali; toni neutri nei bianchi e beige o tappeti decorativi dalle palette grintose dei blu e verdi; margini smussati finitura “a mano” oppure glossy e lisce per accentuare la luminosità dello spazio: nella scelta del rivestimento per la cucina, la forma della piastrella, il suo colore e la finitura finale determinano lo stile insieme alla selezione degli arredi, degli elettrodomestici e dell’illuminazione.

Il mosaico della collezione Mixed in 11 colori e pattern nel formato 40x120 è una soluzione rivisitata e al contempo sempre valida.
La collezione Ardesia nei toni pastello e grigi fa rivivere le superfici della pietra con un piacevole effetto tattile per tutte le strutture, dal wall 3d al Bene 3d.
Con la collezione Roots l’ampia gamma di formati, strutture e finiture, si esplorano le possibilità tecnologiche del grès abbiate all’effetto cemento e a strutture dalle intense sensazioni tattili.

 

Abbinamenti: il rivestimento a pavimento, le pareti e i paraschizzi

Il piano di lavoro e le pareti dietro ai fuochi diventano il terreno ideale per sperimentare nuove proposte di tappeto decorativo, a staccarsi dai tradizionali schemi monocromatici. Le pareti perimetrali diventano esperienze tattili con piastrelle a texture 3d e realizzate con imperfezioni ad hoc a riprendere il lavoro della tradizione artigianale. Nella scelta dei rivestimenti per i paraschizzi, le piastrelle smaltate ad effetto glossy donano un tocco di colore pieno e vivace all’insieme del progetto.

Largo al colore e alle texture 3d inaspettate della collezione Gleeze, che unisce sapienza artigianale, forme inconsuete e colori eleganti in una piastrella perfetta per nuove soluzioni paraschizzi. Le piastrelle struttura effetto glossy della collezione Sol nei toni del bianco blu, verde piuma e foglia nei suoi tappeti decorativi sono un’alternativa coloratissima e mediterranea per cucine moderne dl sapore rustico.