Restyling cucina: tutto il bianco di Ragno

Restyling cucina: tutto il bianco di Ragno

Scopri come declinare il colore bianco per creare progetti dallo stile moderno o dal carattere retrò.

 

Ricade molto spesso sul bianco la scelta cromatica di chi, dopo lunghe ricerche di ispirazione e dopo un confronto con un professionista dell’interior design, si accinge a mettere mano al restyling della sua cucina

Questo tipo di intervento può coinvolgere non solo le zone propriamente funzionali della cottura, del lavaggio e dello storage degli alimenti e delle stoviglie, ma anche quelle adiacenti del pranzo e del soggiorno, dando vita a uno spazio completamente rinnovato dal carattere moderno e luminoso. Per questo, la scelta del bianco può rivelarsi vincente sotto vari punti di vista. 

Se la cucina occupa un ambiente autonomo, separato dal resto della casa attraverso partizioni opache o trasparenti, la definizione di un rivestimento di colore bianco può senz’altro portare a un ampliamento percettivo dello spazio della stanza, annullandone idealmente i confini. 

Se invece la cucina occupa un angolo o una porzione più ampia della zona giorno, la scelta di estendere il colore bianco non solo alle superfici ma anche agli arredi può creare una presenza in continuità o a contrasto con lo spazio dedicato al relax. 

Di bianco, però, non ne esiste uno solo. Colore neutro per eccellenza, il biancopuò essere interpretato seguendo più suggestioni e concretizzando il richiamo a diversi stili e atmosfere, in costante relazione con la luce naturale.

Così il bianco di Ragno trova declinazione nelle diverse proposte in gres porcellanato e ceramica, ciascuna riconoscibile attraverso specifiche caratteristiche dimensionali e di texture. La prima scelta per gli amanti dello stile minimal è rappresentata dalla collezione Off, proposta total white in formato 30x90 rettificato.

Gli estimatori dello stile vintage troveranno nel mattoncino maiolicato 7x28 della collezione Eden il neutro che avevano sempre cercato: morbida alla vista e al tatto e capace di dar vita a indelebili ricordi sulla traccia di un inequivocabile richiamo al passato, ogni piastrella è caratterizzata da un perimetro imperfetto. 

Chi, oltre alla vista, riconosce al tatto un’inestimabile valenza comunicativa, amerà invece il bianco della collezione Tempera, delicatamente patinato, e quello della ceramica effetto resina di Flex, concreto, presente e potenzialmente coordinabile, a contrasto, con i colori d’accento disponibili a catalogo.

Il bianco trasposto in materia pura può percorrere invece due strade diverse a partire da un’unica ispirazione: il richiamo al passato. Da una parte la collezione Cocciopesto, piastrelle in ceramica che interpretano la storia artigianale distintiva dell’Italia sulla superficie delle lastre 40x120; dall’altra le collezioni Imperiale e Bistrot regalano alla purezza del bianco l’idea di lusso, preziosità, lucentezza storicamente associata al marmo.

 

 

  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa
  • Piastrelle Bianche in Cucina: Come Dare Luminosità agli Spazi in Casa

Cliccando su "Invia" dichiaro di avere compiuto almeno 14 anni ed acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’iscrizione alle newsletter di cui all’art. 2.4 dell’infomativa