La posa a colla su massetto è ideale per rivestire in esterno intere aree carrabili, industriali o urbane, parcheggi auto e rampe di garage, essendo la superficie posata estremamente resistente sia ai carichi dinamici che a quelli concentrati. A differenza della posa a secco, nella posa su massetto le fughe tra le lastre devono essere riempite con stucco cementizio e devono quindi essere previsti i giunti di dilatazione nel progetto di posa.


Istruzioni per la posa a colla

1. Posa delle lastre

  • Procedere alla posa delle lastre utilizzando un collante per esterni seguendo le istruzioni specifiche dell'adesivo scelto (C2S2 secondo EN 12004). Per garantire una più uniforme compattezza dell'allettamento, si consiglia la tecnica della doppia spalmatura (procedura prevista per le pavimentazioni con livello di sollecitazione elevata).


2. Realizzazione delle fughe

  • È obbligatorio realizzare una posa a giunto aperto con ampiezza di fuga variabile, non inferiore a 5 mm, e lʼutilizzo di sigillanti cementizi di classe 2 (CG2 secondo EN 13888).


3. Giunti

  • È obbligatorio utilizzare giunti di dilatazione con unʼampiezza non inferiore a 5 mm (ad eccezione dei giunti strutturali), da riportare fin sopra la pavimentazione.
  • I giunti di frazionamento devono ripartire la superficie in maglie quadrate o rettangolari, con un rapporto tra i lati non maggiore di 1,5 m. Le maglie possono avere una dimensione allʼincirca tra 3x3 m e 4x2,5 m.
  • In corrispondenza dei raccordi pavimento-parete, gradini, sopraelevazioni del piano, colonne, ecc. vengono realizzati dei giunti perimetrali attraverso l'inserimento di materiale comprimibile (come ad esempio il polistirolo).


4. Pulizia iniziale

  • Il primo lavaggio dopo la posa della pavimentazione è di fondamentale importanza sia per la corretta esecuzione degli interventi successivi che per una migliore manutenzione della pavimentazione.